Crea sito

Arianna Colonnello: Lettera al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali

Buongiorno amici,vorrei che prestiate attenzione alla lettera che di seguito pubblico di Arianna Colonnello, una ragazza ipovedente che nonostante abbia un eccellente curriculum e delle referenze altrettanto eccellenti non riesce a trovare un lavoro.

Arianna sta lottando non solo per i suoi diritti come disabile ma anche per i diritti di tutti noi disabili, vi prego quindi di condividere e far girare questa sua lettera che ha inviato al Ministero del lavoro e delle politiche sociali affinchè la sua voce venga ascoltata.

Questa lettera è stata inoltre pubblicata sul giornale la foto inserita è tratta dal giornale :

“La voce del Trentino”

Tutti i diritti e copyright dell’immagine sono riconosciuti ai rispettivi autori al seguente link

di provenienza:

http://www.lavocedeltrentino.it/2018/05/22/la-disabilita-viene-vista-come-un-limite-che-affligge-il-soggetto-interessato-di-arianna-colonello/

 

“Mi chiamo Arianna Colonello, vi scrivo questa lettera al fine di portare a vostra conoscenza delle mie considerazioni teoriche sull’inclusione delle persone con disabilità nel mondo del lavoro.

Attraverso la mia personale esperienza, sia in quanto io stessa sono ipovedente, sia in qualità di attivista nel campo dei diritti dei disabili. Io credo che la teoria sia molto discostante dalla pratica, soprattutto credo che i principi sanciti dalla convenzione sui diritti dei disabili non vengono ne considerati tanto meno applicati nel nostro ordinamento nazionale.

Credo che manchi un tassello un presupposto, ovvero il cambiamento culturale, attraverso la quale viene vista la disabilità. Purtroppo la disabilità viene vista come un limite che affligge il soggetto interessato, credo che questo cambiamento culturale sia indispensabile, al fine di raggiungere un’effettiva inclusione sociale dei disabili nel mondo del lavoro. Purtroppo il disabile viene spesso emarginato ed ha un’enorme costante difficoltà sia nell’accedere al mercato del lavoro, sia nella progressione in carriera.

Un diritto spesso negato ai disabili, in quanto solitamente i disabili ricoprono posizioni lavorative molto basse, molti di essi non hanno neppure un lavoro. A mio modesto avviso ci sono molti fattori che incentivano all’esclusione dei disabili dal mondo del lavoro, prima di tutto il problema culturale, il secondo problema riguarda il sistema nazionale che disciplina l’accesso al mondo del lavoro dei disabili, la L. n. 68 del 1999, che è stata modificata dalla legge del 1 gennaio, 2018.

Purtroppo dal punto di vista dell’azienda credo che ci siano molti luoghi comuni da sfatare, per esempio: “il disabile è improduttivo, oppure più di tanto non può fare”, in molti casi i datori di lavoro non sanno quali mansioni possono essere svolti dal disabile. Un altro fattore demotivante all’assunzione dei disabili è la lunga ed estenuante burocrazia alla quale il datore di lavoro ed il lavoratore disabile deve adempiere, al fine di entrare nel mondo del lavoro.

Una mia personale opinione al fine di una reale ed effettiva uguaglianza dei disabili rispetto agli altri cittadini i disabili devono essere messi in condizioni di presentare autonomamente il proprio CV vitae, ed essere messi in grado di condurre un colloquio di lavoro. Per questo motivo appoggio moltissimo le iniziative volte in questo senso, come ad esempio il Diversity Day.

Un altro fattore demotivante per il datore di lavoro all’assunzione dei disabili sono i tempi lunghi che la stessa richiede, oltre al fatto di essere sottoposti costantemente a verifica, percepita dalle aziende, come invasione da parte del mirato. Io credo moltissimo nella figura professionale del disability manager ci può aiutare a risolvere molti problemi inerenti l’inclusione dei disabili nelle varie aziende. Peccato che non è ancora decollata è una figura poco introdotta nelle aziende, viene introdotta solo nelle grandi aziende.

Dal punto di vista del lavoratore, credo che non basta innalzare le sanzioni per i datori di lavoro che scelgono di pagare le sanzioni, piuttosto che assumere disabili, bisogna capire le cause e cercare delle soluzioni valide a questi problemi. Secondo me le cause le ho menzionate sopra. Un’altra lacuna culturale è la mancanza di valorizzazione delle qualifiche professionali dei disabili, dei loro titoli di studio, ed esperienze professionali. E’ risaputo che si preferisce mettere in vetrina la disabilità del lavoratore, piuttosto che le sue capacità e potenzialità, in questo modo gli si nega il diritto di crescita professionale ed umano.

Ovviamente sappiamo che il diritto al lavoro è legato al diritto alla dignità, senza lavoro non c’è dignità. Il diritto al lavoro è sancito dalla nostra Costituzione, ed anche dalla convenzione sui diritti dei disabili. Insomma non voglio annoiare con considerazioni meramente teoriche, purtroppo la mia esperienza personale dimostra che siamo molto lontani dalla reale ed effettiva partecipazione dei disabili nella società. Inoltre la mia storia dimostra una chiara assenza di meritocrazia sia a livello nazionale sia a livello europeo.

Il principio della piena ed effettiva partecipazione dei disabili nella società è ampiamente sancito dalla convenzione sui diritti dei disabili. Io sono laureata in giurisprudenza, ho altresì ottenuto un diploma post laurea in Italia. Dopo di che ho svolto con grande profitto il tirocinio al Parlamento Europeo a Bruxelles mi sono occupata di disabilità. Attualmente sono membro del network europeo sulla vita indipendente, che si trova a Bruxelles. In particolare durante il tirocinio grazie al supporto di un eurodeputato abbiamo organizzato un evento sul mondo del lavoro e disabilità.

Inoltre ho scritto uno studio sulla situazione dei disabili: le politichele leggi europee e nazionali. Inoltre sono coordinatrice del progetto “Exchangeability project“, in The Netherlands, ideato dall’Erasmus network. Questo progetto è stato ideato per aumentare la mobilità internazionale degli studenti disabili. Tuttavia ho 9 referenze: 3 dal Parlamento Europeo, 1 da parte di un Rettore di un’Università italiana, 3 da docenti universitari, 1 da parte di del mio collaboratore con il quale mensilmente facciamo delle radio interviste sulla disabilità, 1 da un avvocato di Stato, 1 docente del Master in diritto europeo, con specializzazione in diritti umani e migrazione.

Spero che la mia situazione di disoccupazione sia di monito per una profonda riflessione. Il mio obiettivo è ovviamente quello di trovare lavoro, ma altresì aiutare anche gli altri disabili ad inserirsi nel mondo del lavoro. Purtroppo le risposte che ricevo da parte delle organizzazioni non governative che si occupano di diritti dei disabili è sempre la stessa, in tutta Europa: ” Cv, esperienze, referenze eccezionali, ma qui per te non c’è posto”.

Penso che questa risposta sia difficile da accettare, ma soprattutto contraddittoria. Tuttavia molte persone con disabilità ricevono questo tipo di risposte, ma loro stanno “in silenzio” mandano giù il boccone amaro. La mia esperienza dimostra che l’Osservatorio dovrebbe cercare di mettere in campo tutte le misure possibili per assicurare l’effettiva applicazione della convenzione nell’ordinamento nazionale. Penso che questi episodi discriminatori e di esclusione sociale non succederebbero cosi frequentemente se la convenzione sui diritti dei disabili venisse applicata correttamente. Vi ringrazio per l’attenzione.

Cordiali saluti
Dott.ssa Arianna Colonello

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.