Crea sito

Blaise Pascal: Le ragioni del cuore

La Biografia di Blaise Pascal

Blaise Pascal (Clermont-Ferrand), Auvergne, Francia 19 giugno 1623 – Parigi, 19 agosto, 1662) fu un matematico, fisico e filosofo religioso francese. I suoi contributi alle scienze naturali comprendono: la costruzione di calcolatori meccanici, considerazioni sulla teoria delle probabilità, studi sui fluidi, e la chiarificazione di concetti come pressione e vuoto. Seguendo una profonda esperienza religiosa, nel 1654, Pascal abbandonò la matematica e la fisica per la filosofia e la teologia
Nato a Clermont-Ferrand, Puy-de-Dôme, in Francia, Blaise Pascal perse la madre all’età di tre anni. Venne allevato dal padre, Étienne Pascal (1588 – 1651), un matematico, assieme alla sorella Jacqueline Pascal (1625 – 1661).
Gli storici dell’informatica riconoscono il suo contributo in questo campo quando, appena diciottenne, iniziò a costruire calcolatori meccanici capaci di addizioni e sottrazioni (il Museo Zwinger di Dresda in Germania mostra uno dei suoi calcolatori originali). All’età di sedici anni elaborò anche un trattato sulle sezioni coniche. Nel 1654, spinto dall’interesse di un amico in problemi legati alle scommesse, avviò una corrispondenza con Fermat e stese un piccolo saggio sulle probabilità.
Più tardi formulò la Scommessa di Pascal, un’argomentazione per la fede in Dio basata sulle probabilità (ma “i misteri della Divinità – ebbe a dire – sono troppo sacri per essere profanati dalle nostre dispute”; e chissà se Einstein pensasse a lui nell’affermare che “Dio non gioca a dadi”).
Il Triangolo di Pascal, un modo di presentare i coefficienti binomiali, porta il suo nome, anche se i matematici conoscevano tali coefficienti già da tempo.
Il suo notevole contributo nello studio dei fluidi (idrodinamica e idrostatica) si incentrò sul principio di fluido idraulico. Le sue invenzioni comprendono la pressa idraulica (che usa la pressione per moltiplicare la forza) e la siringa. Pascal chiarificò concetti quali pressione (la cui unità di misura porta il suo nome) e vuoto.
Nel 1650, sofferente per la salute cagionevole, Pascal si ritirò dalla matematica. Comunque nel 1653, quando la salute migliorò, scrisse Traité du triangle arithmétique nel quale descrisse il “triangolo aritmetico” che porta il suo nome.
A seguito di un incidente avvenuto nel 1654, sul ponte di Neuilly, nel quale i cavalli finirono oltre il parapetto ma la carrozza sopravvisse miracolosamente, Pascal abbandonò la matematica e la fisica per la filosofia e la teologia.Da quel momento Pascal entrò a far parte dei solitari di Port-Royal, fra i quali vi era gia sua sorella e qui entro nella stta dei giansenisti.In quel periodo vi era una disputa tra giansenisti e i teologi della Sorbona di Parigi e ad essa intervenne Pascal.Il 23 gennaio 1656 pubblicava con lo pseudonimo di Luigi di Montalto le sue prime lettere scritte da un provinciale ad uno dei suoi amici intorno alle dispute attuali della Sorbona ; ad essa seguirono altre 17 lettere l’ ultima è datata 24 marzo 1657 Nel 1660, il Re Luigi XIV di Francia ordinò la distruzione delle Lettere provinciali di Pascal, una difesa del Giansenista Antoine Arnauld.

Pascal non completò mai il suo lavoro più influente, i Pensées (i Pensieri), ma una versione delle sue note per il libro venne stampata nel 1670, otto anni dopo la sua morte, e subito divenne un classico della letteratura devota.

Da Wikipedia

Le Frasi di Blaise Pascal

 

Chi comunica poco cogli uomini, rade volte è misantropo. Veri misantropi non si trovano nella solitudine, ma nel mondo: perché l’uso pratico della vita, e non già la filosofia, è quello che fa odiare gli uomini. E se uno che sia tale, si ritira dalla socierà, perde nel ritiro la misantropia.

Blaise Pascal

Aforismi di Blaise Pascal

 

La natura ha delle perfezioni per dimostrare che essa è l’immagine di Dio e ha dei difetti per mostrare che ne è solo un’immagine.

Le qualità dell’animo non si possono acquistare con l’abitudine; si possono solo perfezionare.

Un medesimo significato cambia secondo le parole che lo esprimono. I significati ricevono dalle parole la loro dignità, invece di conferirla ad esse. Bisogna cercare degli esempi.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Riflessioni dell’anima: Il Deserto del cuore

 

Il Deserto del Cuore

E  c’è un deserto immenso detto Cuore,

di cui nelle foreste,

gli intricati rami cullano l’ombra,

come un bimbo.

In quella sua profondità mi persi!

Tagore


Il mio cuore, uccello del deserto, ha trovato

il suo cielo nei tuoi occhi.

Essi sono la culla del mattino, essi sono

il regno delle stelle.

I miei canti si perdono nella loro profondità.

Lascia che io squarci le sue nuvole

e stenda le ali al suo sole.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Il mio Diario pensieri in libertà: “Prendi la Vita così come viene”

Prendi la Vita così come viene

Quante volte ci sentiamo affaticati, oppressi, stanchi

di questa vita che va tutta di fretta

momenti in cui vorremo gettare la spugna e mandare

tutto al Diavolo è un po’ quello che sto passando io

in questo periodo ma poi mi chiedo: “Perchè?”

La vita non va gettata al vento e allora mi

rimbocco le maniche anche se è dura.

Ripenso a quanti ostacoli ho dovuto affrontare nella mia vita,

ostacoli che mi sembravano impossibili da poter superare

e poi invece mi sono detta: “C’è l’ho fatta”.

Oggi voglio lasciare un messaggio a tutti voi amici e amiche,

a voi che magari passate come viandanti in questo mio angolino

dove spesso mi rifugio nei momenti difficili

Vi dedico questi versi di Madre Teresa di Calcutta

che ha fatto della sua Vita una missione, dove ha portato conforto

a tutti i poveri, gli ammalati, i bambini, un esempio

che dovremmo cercare di tenere sempre nella nostra mente

La vita è …

di Madre Teresa di Calcutta

La vita è un’opportunità, coglila. La vita è bellezza, ammirala. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è un sogno, fanne una realtà La vita è una sfida, affrontala. La vita è un dovere, compilo. La vita è un gioco, giocalo. La vita è preziosa, abbine cura. La vita è ricchezza, conservala. La vita è amore, godine. La vita è un mistero, scoprilo. La vita è promessa, adempila. La vita è tristezza, superala. La vita è un inno, cantalo. La vita è una lotta, accettala. La vita è un’avventura, rischiala. La vita è felicità, meritala. La vita è la vita, difendila.

(Madre Teresa di Calcutta)

Ama la vita così com’è Amala pienamente,senza pretese; amala quando ti amano o quando ti odiano, amala quando nessuno ti capisce, o quando tutti ti comprendono.

Amala quando tutti ti abbandonano, o quando ti esaltano come un re. Amala quando ti rubano tutto, o quando te lo regalano. Amala quando ha senso o quando sembra non averlo nemmeno un po’.

Amala nella piena felicità, o nella solitudine assoluta. Amala quando sei forte, o quando ti senti debole. Amala quando hai paura, o quando hai una montagna di coraggio. Amala non soltanto per i grandi piaceri e le enormi soddisfazioni; amala anche per le piccolissime gioie

Amala quando tutti ti abbandonano, o quando ti esaltano come un re. Amala seppure non ti dà ciò che potrebbe,

 amala anche se non è come la vorresti

Amala ogni volta che nasci

ed ogni volta che stai per morire.

Non amare mai senza amore

Non vivere mai senza vita!

(Madre Teresa di Calcutta) 

L’uomo è irragionevole, illogico,

egocentrico

NON IMPORTA, AMALO

Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini
 
egoistici
 
NON IMPORTA, FA’ IL BENE

Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi
 
amici e veri nemici
 
NON IMPORTA, REALIZZALI

Il bene che fai verrà domani dimenticato
 
NON IMPORTA, FA’ IL BENE

L’onestà e la sincerità ti rendono
 
vulnerabile
 
NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO

Quello che per anni hai costruito può essere
 
distrutto in un attimo
 
NON IMPORTA, COSTRUISCI
 
Se aiuti la gente, se ne risentirà
 
NON IMPORTA, AIUTALA
 
Da’ al mondo il meglio di te, e ti
 
prenderanno a calci

 

NON IMPORTA, DA’ IL MEGLIO DI TE.

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Il mio Cammino

Si possono percorrere milioni di chilometri in una sola vita

senza mai scalfire la superficie dei luoghi

nè imparare nulla dalle genti appena sfiorate.

Il senso del viaggio sta nel fermarsi ad ascoltare

chiunque abbia una storia da raccontare.

Camminando si apprende la vita

camminando si conoscono le cose

camminando si sanano le ferite del giorno prima.

Cammina guardando una stella

ascoltando una voce

seguendo le orme di altri passi

cammina cercando la vita

curando le ferite lasciate dai dolori.

Niente può cancellare il cammino percorso.

(Rubèn Blades) 

 

E io cammino..tanto…
il mio e` un continuo andare

Guardo … ascolto … conosco … ho imparato a parlarmi e ad ascoltarmi …

e mi conosco … ho imparato così a sanare le mie ferite …

ed ogni passo che faccio non cancella i ricordi …

ogni passo mi allontana da quello che è stato …

E mi avvicina a quello che sarà …

 

Sii paziente verso tutto ciò che è irrisolto nel tuo cuore

e cerca di amare le domande, che sono simili a stanze

chiuse a chiave e a libri scritti in una lingua straniera.

Non cercare ora le risposte che non possono esserti date

poiché non saresti capace di convivere con esse.

E il punto è vivere ogni cosa.

Vivi le domande ora.

Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga,

di vivere fino al lontano giorno in cui avrai la risposta

 

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Perle di Saggezza: La Saggezza Indiana


Non ti Auguro un Dono Qualsiasi

Non ti auguro un dono qualsiasi,
Ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
Ti auguro tempo, per divertirti e ridere;
se lo impiegherai bene, potrai ricavarne qualcosa.
Ti auguro tempo, per il tuo Fare e il tuo Pensare,
non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.
Ti auguro tempo, non per affrettarti e correre,
ma tempo per essere contento.
Ti auguro tempo, non soltanto per trascorrerlo,
ti auguro tempo perchè te ne resti:
tempo per stupirti e tempo per fidarti
e non soltanto per guardarlo sull’orologio.
Ti auguro tempo per contare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.
Ti auguro tempo, per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.
Ti auguro tempo per trovare te stesso,
per vivere ogni tuo giorno, ogni tua ora come un dono.
Ti auguro tempo anche per perdonare.
Ti auguro di avere tempo,
tempo per la vita.

IL VECCHIO 
 Sandoval, Hastin Tlo’tsi hee, Navajo
da: “Il Grande Spirito parla al nostro cuore” Ed. Red
 
Voi mi guardate e voi non vedete in me che un brutto vecchio, ma interiormente, io sono colmo di una grande bellezza.
Sono seduto in cima a una montagna e guardo al futuro.
Vedo il mio popolo e il vostro popolo che vivono insieme.
In avvenire il mio popolo dimenticherà il modo di vivere dei suoi antenati, a meno che non l’apprenda dai libri dell’uomo bianco.
Quindi voi dovete scrivere ciò che vi dico e farne un libro affinché le generazioni a venire possano conoscere questa verità
 
 
 
Luna Nuova
 La luna nuova,una canoa,una piccola canoa d’argento,
naviga e naviga fra gli indiani dell’ovest.

Un cerchio di volpi argentate, una nebbia di volpi
argentate, stanno e stanno intorno alla luna indiana.

Una stella gialla per un corridore, e liti di stelle
azzurre per molti corridori,mantengono una linea di sentinelle.

O volpi, luna nuova,corridori,voi siete la sella
della memoria, bianco fuoco che scrive
questa notte i sogni dell’Uomo Rosso.

Chi siede, con le gambe incrociate e le braccia piegate,
guardando la luna e i volti delle stelle dell’ovest?

Chi sono i fantasmi della valle del Mississippi,
con le fronti di rame, che cavalcano robusti pony nella notte?
Senza briglie le braccia sui colli dei pony,
cavalcando nella notte, un lungo, antico sentiero?

Perchè essi ritornano sempre quando,
quando le volpi argentate siedono intorno alla luna nuova,
un bimbo d’argento, nell’occidente indiano.

Fratelli miei

Guardate, fratelli miei, la primavera è arrivata;
la terra ha ricevuto l’abbraccio del sole
e noi vedremo presto i risultati di questo amore!
Ogni seme si è svegliato.
E così anche tutta la vita animale.
E grazie a questo potere che noi esistiamo.
Noi perciò dobbiamo concedere ai nostri vicini,
anche ai nostri vicini animali,
il nostro stesso diritto di abitare questa terra.

 

La mia mano

La mia mano

non è del colore della tua,

ma se mi pungo uscirà sangue

e sentirò dolore.

Il sangue è dello stesso colore del tuo…

 Saggezza di un Grande Capo

“Sono un Pellerossa

e non comprendo nulla.

Noi preferiamo il soave sussurro del vento sull’acqua

rinfrescato dalla pioggia di mezzogiorno

o profumato dall’aroma di pino…

Gli uomini bianchi comprano le nostre terre

come si può comprare o vendere il firmamento?

o il calore della terra? Se non siamo padroni

della freschezza dell’aria, nè del rumore dell’acqua,

voi come farete a comprarli?

Ogni zolla di questo terreno è sacra alla mie genti.

L’acqua limpida che scorre nei fiumi e nei ruscelli è anche

il sangue dei nostri antenati.

Se vi vendiamo le nostre terre,

dovete ricordare che sono sacre,

e che ogni riflesso ,

ogni gorgoglio dell’acqua del lago e dei ruscelli

racconta la vita della nostra gente.

La voce dell’acqua è la voce del padre di mio padre.”

(Parole del Capo Indiano Noah Sealth)

thesecretqg0

Le Leggende Indiane

La regina delle api
 

C’era una volta una coppia che desiderava ardentemente un figlio ma non riusciva ad averne. Un giorno il marito andò in un campo a tagliare del bambù. All’improvviso udì una vocina che lo implorava di non fargli del male. Dove sei?, chiese l’uomo. In questa canna!, rispose la vocina. L’uomo aprì la canna di bambù e trovò un bambino piccolissimo, con il volto da ranocchio. Lo portò a casa e con la moglie si affezionarono subito al bambino, anche se non era molto bello. Lo chiamarono Bambù.
Passarono gli anni e Bambù crebbe. Diventò un bravissimo ragazzo che aiutava il padre nel lavoro. Un giorno, il giorno del suo diciottesimo compleanno, i genitori gli diedero un abito e una spada e lo mandarono al mercato a vendere il riso e a comprare delle stoffe. Bambù attraversò la foresta ed ad un tratto si accorse di essere seguito. Gli si parò di fronte un leone affamato. Bambù gli disse: Non ho niente da darti, oggi. Ripassa domani. Ma il leone gli rispose: Ma io so già cosa mangiare: tu! Allora Bambù gli disse: Vattene via, altrimenti ti infilzerò con la mia spada! Il leone, intimorito, scappò via.
Bambù era quasi uscito dalla foresta, quando incontrò un’ape che gli chiese di salvare la sua regina. La regina era una bellissima ragazza, piccolissima, con due ali argentate, che era rimasta impigliata in una ragnatela. Bambù la salvò, ed allora la regina gli regalò tre semi di melone. Questi semi ti aiuteranno a realizzare quello che vuoi. Basterà che tu lo desideri!
Bambù andò al mercato e concluse i suoi affari. Poi tornò verso casa ed attraversando la foresta rincontrò il leone, ancora più feroce ed affamato. Bambù desiderò di ucciderlo con la spada di suo padre, ed ecco che di colpo riuscì a farlo. Un seme di melone era svanito nel frattempo dalla sua tasca.
Bambù scoprì che i semi erano prodigiosi. Ascoltò il suo cuore e desiderò di essere un bel giovane e di rivedere la regina delle api. I due semi sparirono e Bambù diventò un bellissimo ragazzo: di fronte a lui giunse la regina delle api, che ingrandì fino a diventare una vera ragazza. I due tornarono a casa, si sposarono e vissero felici e contenti.

La Leggenda della Luna Piena

In una calda notte di luglio di tanto tempo fa un lupo, seduto sulla cima di un monte, ululava a più non posso.

In cielo splendeva una sottile falce di luna che ogni tanto giocava a nascondersi dietro soffici trine di nuvole, o danzava tra esse, armoniosa e lieve.

Gli ululati del lupo erano lunghi, ripetuti, disperati. In breve arrivarono fino all’argentea regina della notte che, alquanto infastidita da tutto quel baccano, gli chiese:

– Cos’hai da urlare tanto? Perché non la smetti almeno per un po’?-

– Ho perso uno dei miei figli, il lupacchiotto più piccolo della mia cucciolata. Sono disperato… aiutami! – rispose il lupo.

La luna, allora, cominciò lentamente a gonfiarsi. E si gonfio, si gonfiò, si gonfiò, fino a diventare una grossa, luminosissima palla.

– Guarda se riesci ora a ritrovare il tuo lupacchiotto – disse, dolcemente partecipe, al lupo in pena.

Il piccolo fu trovato, tremante di freddo e di paura, sull’orlo di un precipizio. Con un gran balzo il padre afferrò il figlio, lo strinse forte forte a sé e, felice ed emozionato, ma non senza aver mille e mille volte ringraziato la luna. Poi sparì tra il folto della vegetazione.

Per premiare la bontà della luna, le fate dei boschi le fecero un bellissimo regalo: ogni trenta giorni può ridiventare tonda, grossa, luminosa, e i cuccioli del mondo intero, alzando nella notte gli occhi al cielo, possono ammirarla in tutto il suo splendore.

I lupi lo sanno… e ululano festosi alla luna piena.

(Leggenda indiana)

 

  

 
 
 La creazione degli Animali
 
C’era una volta Napi, che era l’aiutante del Sole: il Sole riscaldava la Terra mentre Napi faceva tutti i lavori di manutenzione. Un giorno Napi aveva terminato presto i suoi lavori, e dato che non era abituato a tenere le mani ferme, prese un blocco di argilla e cominciò a modellare con un blocco di argilla.
Una dopo l’altra fece le figurine di tutti gli animali della Terra. Era molto soddisfatto del suo lavoro: soffiò sopra ogni figurina, dando a ciascun animale un nome e un luogo da popolare sulla Terra.
Era rimasto un piccolo blocchetto di argilla. Napi lo pasticciò un po’, poi fece un’altra figurina e disse: Ti chiamerai uomo, ed abiterai tra i lupi. Napi tornò al suo lavoro, ma un giorno arrivarono gli animali a protestare: il bisonte non riusciva a vivere in montagna perché era troppo ripida, le capre della prateria non amavano vivere nell’acqua, la tigre non si adattava vicino al mare e così via. Allora Napi ridiede a tutti nuove abitazioni, e questa volta furono tutti soddisfatti. Tutti, tranne l’uomo, che vaga dappertutto per trovare un luogo che lo soddisfi.


La Leggenda dell’Aurora

 Molto tempo fa in questo paese era buio fitto. Gli abitanti, tennero un’assemblea e decisero che occorreva una persona che fosse veloce a correre.: Scelsero Ghiandaia Azzurra.
Esso, si mise subito in moto in direzione di levante e finalmente giunse in una capanna di terra in un villaggio molto abitato a giudicare dalla quantità di capanne, ma nessuno in realtà era li, perché se ne erano andati ad una festa non molto distante. Entrato nella capanna trovò un bambino.. Ghiandaia Azzurra chiese al bambino:
“Dove sono andati?'”.
Il ragazzo rispose:
“Sono andati via”:
Nella capanna c’erano delle ceste di provviste contro la parete: Ghiandaia Azzurra indicò la prima cesta che vide li vicino e chiese:
“Che c’è in quella cesta?”.
Il bambino rispose:
“Prima sera”.
Poi indicò la cesta accanto dicendo:
“Che c’è in quella cesta?”.
E il ragazzo rispose:
“Appena buio”.
Le domande alternate dalle risposte si susseguirono, fino all’ ultima::
“Che c’è in quella cesta?”.
Il fanciullo rispose:
“Aurora”.
Allora Ghiandaia Azzurra afferrò lesto la cesta e se ne scappò di corsa!
Il bambino cominciò a gridare:
“Ci hanno rubato l’Aurora!”.
La gente non fece caso alle urla del bambino poco distante, e continuarono a danzare.. Finalmente l’ attenzione di un abitante cadde sulle urla e disse:
“Il ragazzo grida che hanno rubato l’Aurora”.
Tutti accorsero allora alla capanna e, spiegato l’ accaduto si misero presto ad inseguire Ghiandaia Azzurra verso ponente.
Egli andava verso ponente, sempre verso ponente.
Vicino alla Grande Valle lo raggiunsero.
Stavano per prenderlo; eran proprio sul punto di farcela, quando egli aprì la cesta e la luce volò fuori.

 Immagini Indiani d’America

 

 

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Le mie Poesie

Ciao a Voi tutti che seguite il  mio blog

In questo spazio inserirò  man mano  le mie Poesie.

Vi chiedo solo di non copiarle, nè

inserire la propria firma al posto della mia firma

ma lasciatele  così come sono .

Grazie!

I Ricordi

I Ricordi sono come le Illustrazioni raccolte mano nel libro dove scriviamo le pagine della nostra vita.
Immagini sbiadite dal  tempo ma che racchiudono ogni  attimo  vissuto
nella nostra Vita.
Ricordi Che sembravano ormai svaniti nel tempo  ma ecco che  in un attimo
nella nostra mente  riaffiorano e allora come  in un film ripercorriamo tutta la nostra esistenza.

I Ricordi sono parte di noi e li nessuno li  potrà cancellare

Sognografica

Il 27 settembre 2009

Cogli l’Attimo

Cogli l’Attimo e vivi la vita ogni  giorno
senza Timore.
Ogni Momento cogli l’attimo e  non sprecare
il tempo  a pensare  alle cose Che ti hanno
fatto soffrire.
Prendi la vita così come  viene e segui quello che il
cuore ti dice.

Cogli l’attimo e prendi Il lato di ogni  cosa,
non fermarti a  guardare indietro ma guarda al
domani.
Cogli l’attimo e sorridi alla vita, solo così capirai che
vale la pena di vivere la Vita.
Cogli l’attimo e raggiungerai la vera felicità, scoprirai

la gioia di amare
Cogli l’attimo … .. va per la tua strada e non ti fermare

Sognografica

IL 10 ottobre 2009

GlitterSwan.jpg - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Giornata uggiosa

Gocce di pioggia che scendono lentamente,scivola l’acqua
in questa giornata uggiosa e bagna ogni angolo di terra.
Sento l’odore dell’erba bagnata e le foglie ingiallite che cadono
dai rami ormai spogni.
Giornata uggiosa in questa ottobrata dove tutto intorno è silenzio.
Giornata uggiosa, pioggia che cade inesorabile e gli animali che
si preparano al lungo letargo.
Giornata uggiosa……grigia dove solo le nuvole cariche di pioggia
ne fanno da ornamento in un paesaggio stupendo.
Giornata uggiosa dove i bambini guardano dalla finestra aspettando
che il sole faccia capolino tra le grigie nuvole,Il cammino acceso
nelle case in un’atmosfera serena e felice.
Scende la pioggia ma ecco che lentamente l’arcobaleno di mille colori
risplende nel cielo e il sole lentamente con i suoi raggi riscalda la terra.

Sognografica

23 ottobre 2009

Fantasy34.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Il Tempo

Il tempo scorre inesorabile senza fermarsi.
Noi non possiamo fermare il tempo,le giornate passano
una dopo l’altra e il tempo ne fà da padrona.
Scorrono i giorni, i mesi, gli anni ore, minuti e come
attori siamo intenti a rappresentare
la commedia della nostra vita.
Tutto scorre in fretta e nonostante i nostri sforzi non
possiamo rallentare la corsa del tempo, tutto va come deve andare
e nessuno può fermare o cambiare questa verità.

Sognografica

il 28 ottobre 2009

Fantasy32.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Per Amore

Quando si ama una persona si dà il meglio di se stessi,
solo per amore si è un corpo solo e un’anima sola.
Amare una persona è dedizione,sentire il bisogno l’uno per
l’altro senza pensare di ricevere nulla in cambio.
Per Amore si è disposti a tutto pur di far felici la persona
che si ha accanto, accettarla così come senza pretendere
che sia come la si vorrebbe.
Per Amore e solo per amore la vita viene vissuta più intensamente
perchè non si è soli e ogni cosa viene vista con occhi diversI.
Per Amore e nient’altro….
Quando c’è l’Amore tutto diventa possibile!

Sognografica

il 10 Novembre 2009

Fantasy31.png - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Nel silenzio della Notte

Nel silenzio della notte tutto intorno tace.
Nel buio della notte non riesco a prendere sonno,
non piango ma rimango in silenzio, quel silenzio così
penetrante che penetra nel mio cuore.
La solitudine mi assale, compagna dei miei giorni senza tempo.
aspettando giorno dopo giorno un nuovo raggio di luce che
rischiari la mia vita e cancelli tutte le ombre più buie del mio cuore.
Tramontano i giorni e la solitudine rimane ed io resto sola, sola….

Sognografica

il  20 Febbraio 2010

Fantasy26.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Essere se Stessi

Non nasconderti dietro una maschera ma

scopri le tue carte e si te stesso.

Se hai coraggio e sei onesto,

non tradire te stesso.

Oggi più che mai getta quella maschera che

ti copre il viso e si te stesso

con tutti i tuoi difetti.

E’  proprio quello che fa la differenza

camminare a testa alta senza timore

non conta se hai un dente sporgente o

un altro difetto fisico ma

la vera bellezza è quella interiore,

la puoi  leggere  negli occhi e ti riscalda il cuore.

Qualsiasi  traguardo tu voglia raggiungere,

non  abbassare lo sguardo,

 ma guarda al domani

la vita non fa nessuno sconto

ma dimostra  quel che sei davvero,

Si te stesso e nient’altro.

 Sognografica

Il 25 marzo 2010

Fantasy21.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

Come una nuvola

Come una nuvola trasportata dal vento
volteggio nell’immensità del cielo e
mi diletto nel cambiare forma per poi
scivolare con la fantasia, attimo dopo atimo….
e perdermi nell’infinito cielo che mi tiene compagnia.
Come una nuvola leggera scruto la terra da lassù e lacrime di pioggia
scendono ad irrigare la terra assetata.
Nuovi posti riscopro libera come l’aria invisibile

Sognografica

Il 21 Aprile 2010

Fantasy19.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:

L’Oscurità della Notte

Nell’0scurità della Notte vaga il mio pensiero
alla ricerca del Silenzio del’anima
Il mio Spirito riposa nel silenzio della notte
per ritrovare me stessa e la pace interiore
che avevo perduto nel tempo.
Solo le stelle mi tengono compagnia mentre la città
dorme aspettando il nuovo giorno che nascerà

Sognografica

Il 21 Aprile 2010

 13975242.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:            Fantasia

La Luce

Ogni volta che ti senti triste, sconsolata allegra e felice
ricorda che c’è sempre qualche cosa che ti protegge…

qualcosa che è dentro di noi e che ci spinge a non mollare mai
nonostante le avversità della vita perchè la vita è bella e degna
di essere vissuta nel bene e nel male nella buona e cattiva sortenonostane gli ostacoli che troviamo lungo il nostro cammino, allora con
il pensiero prova ad inseguire quel raggio di luce che significa felicità,

prima o poi la potrai toccare, corri incontro a quella luce e con la sua abbagliante
intensità saremo rigenerati, guariti.
Se guardi indietro capirai che il passato non è altro che il cammino di esperienza
che conduce alla gioia incondizionata….

Sognografica

Il 28 Aprile 2010

UbQt3z1leh.jpg - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:            Fantasia

In certi momenti

In certi momenti vorrei gridare al mondo tutta la mia rabbia che ho dentro
In certi momenti vorrei tornare indietro nel tempo e tornare ad essere bambina
e vivere senza pensieri.
In certi momenti vorrei dimenticare tutto quello che mi ha fatto soffrire e
ricordare solo i momenti più belli della mia vita.
In certi momenti vorrei vivere in un mondo dove esiste solo la parola “AMORE”
e dove regna solo la felicità
In certi momenti nel silenzio del mio io mille pensieri mi assalgono, quante domande a cui non so dare una risposta.
In certi momenti vorrei che non esistessero le barriere dell’egoismo e dell’indifferenza
ma che nel mondo ci sia solo pace, uguaglianza ed essere tutti uguali come fratelli e sorelle.

Sognografica

 il 15 Maggio 2010

 13001625.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:            Fantasia

Voglio volare con le mie ali

Voglio volare con le mie ali e sentire quel senso di libertà
che mi accarezza dolcemente.
Voglio volare con le mie ali e liberarmi da tutti quei pensieri
che mi angosciano e ritrovare quella tranquillità che da tempo
avevo perduto.
Voglio volare con le mie ali e sentirmi libera di vivere e amare
lasciarmi trasportare dal dolce vento e arrivare fino a te che mi stai aspettando.
Voglio volare con le mie ali fino a roccare la vera felicità, lasciarmi andare e vivere la vita intensamente. 

Sognografica

 il 26 Giugno 2010

13667533.gif - Fantasy glitter grafica fantasia immagini sogni gif animate-Fantasy glitter graphics images animated gif dreams Grafica glitter per i  vostri spazi web COPIA IL CODICE PER AGIUNGERE QUESTA IMMAGINE NEL TUO SPAZIO:            Fantasia

Una Farfalla

Ci sono giornate in cui tutto quello che faccio mi sembra così noioso
che vorrei diventare una farfalla prendere il volo e non pensare
più a nulla,liberarmi da tutti i pensieri e svolazzare di fiore in fiore libera.
Vorrei chiudere gli occhi e con la mente sognare di diventare una farfalla volare ad alta quota e scoprire le bellezze della natura.
Le nuvole mi fanno capolino nel cielo e con allegria mi accompagnano nel mondo di nome felicità. 

Sognografica

il  26 Giugno 2010

552916_356305814415396_1182679362_n

Tutto quello che vorrei…

Tutto quello che vorrei è poterti stare accanto in ogni momento,sentire il tuo calore su di me che mi riscalda il cuore.

Tutto quello che vorrei è tornare indietro nel tempo e rivivere attimo per attimo i momenti felici vissuti insieme.

Tutto quello che vorrei è svegliarmi la mattina e vederti ancora accanto a me….

Tutto quello che vorrei è dirti:TI AMO e sentirmi stringere tra le tue braccia così possenti che mi fanno sentire al sicuro.

Tutto quello che vorrei dirti è MI MANCHI così tanto che il vuoto che hai lasciato dentro il mio cuore è incancellabile.

Tutto quello che vorrei è dirti che senza di te la vita sembra essere senza senso perchè in ogni cosa che faccio mi ricorda di te……Tutto quello che vorrei è di non dimenticarti di me…..

Sognografica

il 17 marzo 2013

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

La Festa dei Lavoratori: 1 Maggio

1° Maggio: Festa del Lavoro.

Il 1 Maggio è la Festa di chi lavora:  una Festa molto significativa, visto che il lavoro è, per la maggioranza delle persone, ciò che riempie la vita, ciò che le dà significato, ciò che permette il sostentamento (cioè di guadagnare – almeno – il necessario per vivere).

Per cercare e trovare un lavoro si fa di tutto, molte volte: ci si sposta, si emigra, si cambia città, nazione e vita.
Chi non riesce a trovarlo (o lo trova provvisorio e incerto) vive con gravi difficoltà, non riesce a costruire un futuro per sè, per la propria famiglia, per i propri figli: ed è spesso costretto a vivere miseramente.

Ma anche chi ha un lavoro non sempre ne è soddisfatto: perché molti lavori, anche se duri e impegnativi, non sono riconosciuti nè a livello sociale, nè a livello di retribuzione adeguata (cioè di paga).
C’è chi guadagna milioni di euro per fare una partita di calcio alla domenica; c’è chi lavora una vita intera nelle fonderie, negli ospedali, nelle miniere, nelle fabbriche, arrivando a guadagnare solo il minimo o il necessario per vivere.

Non tutti i lavoratori sono ancora uguali, perché non tutti i lavori vengono valutati e riconosciuti allo stesso modo (anche in termini di stipendio):
le ingiustizie sociali e retributive esistono tuttora, anche nella nostra società così moderna ed evoluta.

Per questo il Primo Maggio ha ancora un grande significato per la maggioranza dei lavoratori che, nonostante i miglioramenti sociali, vivono quotidianamente sulla loro pelle (bianca, nera, o gialla che sia) molte ingiustizie e disparità.

http://www.lagirandola.it/lg_primopiano.asp?idSpec=101

Origine e Storia della Festa dei Lavoratori

L’origine della Festa dei lavoratori si deve alle battaglie che gli operai hanno fatto per conquistare un orario di lavoro di 8 ore giornaliere.
Con la Prima Internazionale (la Prima Internazionale è una organizzazione internazionale di lavoratori, fondata nel 1864, all’interno della quale c’erano operai, anarchici e socialisti) si sviluppò un grande movimento di lotta sulla questione delle 8 ore, soprattutto presso le organizzazioni dei lavoratori statunitensi.
Una prima vittoria di questo movimento si ebbe nello stato americano dell’Illinois quando nel 1866 venne approvata una legge che introduceva la giornata lavorativa di 8 ore appunto.

Questa legge entrava in vigore il 1 Maggio del 1867, e per quel giorno venne organizzata a Chicago una grande manifestazione, un enorme corteo di lavoratori.
Successivamente un sindacato americano (un sindacato è una organizzazione che rappresenta gli interessi di operai, contadini, impiegati e altri lavoratori nei conforti dei datori di lavoro e si batte per migliorare le condizioni dei lavoratori) prese l’iniziativa di indicare nel 1 Maggio 1886 la data a partire dalla quale gli operai americani si sarebbero rifiutati di lavorare più di 8 ore al giorno.

Il 1 Maggio 1886 in molte fabbriche degli Stati Uniti migliaia di lavoratori incrociarono le braccia: nella città di Chicago, e in altre città americane, gli operai scioperarono e parteciparono a grandi manifestazioni nelle strade.
Le manifestazioni e gli scioperi per il diritto ad 8 ore di lavoro giornaliere continuarono per più giorni dopo il 1 Maggio e si ebbero alcuni scontri con la polizia –  la polizia,  che era dalla parte dei datori di lavoro, non voleva che vincesse questo movimento che rivendicava le 8 ore di lavoro giornaliere  –  che in varie occasioni sparò  sui manifestanti e fece alcuni morti.

Durante una manifestazione che si teneva a Chicago fu lanciata una bomba da un ignoto, non si è mai saputo chi fosse. La polizia approfitto di questo avvenimento per eliminare alcuni esponenti della protesta (e di conseguenza mettere paura a lavoratori e lavoratrici, in modo da fargli rinunciare alle rivendicazioni dei diritti): della bomba furono infatti  accusati ingiustamente alcuni lavoratori anarchici, sette dei quali vennero impiccati.

Queste persone condannate ingiustamente sono passate alla storia come “martiri di Chicago“, erano lavoratori che si battevano per i propri diritti e diventarono il simbolo della lotta per le 8 ore: a loro è stata dedicata la ricorrenza del 1 Maggio.

Ancora oggi la Festa dei lavoratori assume molta importanza, in questo periodo dove i diritti dei lavoratori, diritti che negli anni sono stati faticosamente conquistati, vengono sempre più limitati e sono continuamente messi in pericolo.

Poesie sul 1 Maggio

Le mani dell’operaio

di Renzo Pezzani

Dice il Signore a chi batte
alle porte del suo Regno:
Fammi vedere le mani;
saprò io se ne sei degno.
L’operaio fa vedere
le sue mani dure di calli:
han toccato tutta la vita
terra, fuochi, metalli.
Sono vuote d’ogni ricchezza,
nere, stanche, pesanti.
Dice il Signore: Che bellezza!
Così son le mani dei Santi!

Il lavoro

di Giuseppe Porto

I piccoli animali
fanno tutti un mestiere:
fanno il fabbro e l’artiere,
son sarti e manovali.
Il ragno tessitore
rifabbrica la tela
che somiglia a una vela
su un mare di splendore.
La rana che si liscia
all’orlo del fossato
sta in guardia dall’agguato
che le tende la biscia.
Lo scarabeo al cantiere
rotola una pallina:
così come cammina
somiglia a un carrettiere.
E, se senti uno scricchio,
è un passo nel fogliame;
se senti un falegname
che batte e pialla, è il picchio.
C’è tutto un gran fervore
c’è tutto un gran da fare:
perché chi vuol mangiare
bisogna che lavori.

Dopo il lavoro

di Giulio Gozzi

Vedi sull’aia bianca, in cima. al colle,
la famiglia che torna dal lavoro:
passa sul grano in fiore il vento molle,
e pendono dal ciel nubi d’oro.
Stacca, il padre, dal carro i buoi
fumanti;
guida, il maggiore, i manzi alla
fontana,
giuocano a rimpiattino gli altri oh
quanti! 

Ecco la madre con l’ultimo nato
in braccio; chiama, esorta ed
ammonisce.
Chiama a raccolta il gruppo
scalmanato,
che infine le fa cerchio e ammutolisce.
E mentre la campana di lontano,
manda di colle in colle la sua voce,
essa, presa al suo piccolo la mano,
gli insegna a farsi il segno della croce.
 
Lavoro
di G. Navone
 
Fu la prima condanna: Iddio sdegnato
l’aveva inflitta in pena del peccato.
Dagli alberi non più
senza fatica l’uomo avrebbe i frutti,
né la terra darebbe il cibo a tutti
per innate virtù;
ed il lavoro fu legge agli umani.
Dal primo di quei secoli lontani
sino all’ultima età;
il comune lavoro unì e protesse:
il campo arato maturò la messe
e sorse la città.

Immagini Glitter 1 Maggio

Tags:

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

La Festa della Liberazione: 25 Aprile

Il 25 aprile ricorre l’anniversario della liberazione dell’italia dall’occupazione dell’esercito tedesco
e dal governo fascista avvenuta nel 1945. Ho pensato fosse doveroso dedicare un articolo a questa ricorrenza perché ha segnato una svolta importante per l’italia. Dopo la liberazione dell’Italia dai fascisti e dai tedeschi i gruppi politici della Resistenza hanno costruito il nuovo stato italiano. Il nuovo stato si basa sulla democrazia e sul rispetto della libertà. Questa era l’idea originaria dello Stato italiano, che ora purtroppo non ha più molta validità. Da alcune statistiche infatti l’italia risulta al 35 ° posto nel mondo per la libertà di stampa, una forma di libertà che io reputo molto importante, come si può anche notare dal titolo del blog, perché alla base di molte altre libertà.

Festa d’aprile

I fascisti han capito,

se non son proprio tonti,

che siamo arrivati

alla resa dei conti!

 

Scendiamo giu’ dai monti

a colpi di fucile!

Evviva i Partigiani!

E’ festa d’Aprile!

 

da La terra e la morte 9 novembre 1945

« Tu non sai le colline

dove si è sparso il sangue.

Tutti quanti fuggimmo

tutti quanti gettammo

l’arma e il nome. »

Cesare Pavese

Così giunsi ai giorni della Resistenza

senza saperne nulla se non lo stile:

fu stile tutta luce, memorabile coscienza

di sole. Non poté mai sfiorire,

neanche per un istante, neanche quando

l’ Europa tremò nella più morta vigilia.

Fuggimmo con le masserizie su un carro

da Casarsa a un villaggio perduto

tra rogge e viti: ed era pura luce.

Mio fratello partì, in un mattino muto

di marzo, su un treno, clandestino,

la pistola in un libro: ed era pura luce.

Visse a lungo sui monti, che albeggiavano

quasi paradisiaci nel tetro azzurrino

del piano friulano: ed era pura luce.

Nella soffitta del casolare mia madre

guardava sempre perdutamente quei monti,

già conscia del destino: ed era pura luce.

Coi pochi contadini intorno

vivevo una gloriosa vita di perseguitato

dagli atroci editti: ed era pura luce.

Venne il giorno della morte

e della libertà, il mondo martoriato

si riconobbe nuovo nella luce……

Quella luce era la speranza di giustizia:

non sapevo quale: la Giustizia.

La luce è sempre uguale ad altra luce.

Poi variò: da luce diventò incerta alba,

un’alba che cresceva, si allargava

sopra i campi friulani, sulle rogge.

Illuminava i braccianti che lottavano.

Così l’alba nascente fu una luce

fuori dall’eternità dello stile….

Nella storia la giustizia fu coscienza

d’una umana divisione di ricchezza,

e la speranza ebbe nuova luce.

Pier Paolo Pasolini


Tags:

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Abbandono

 

 

L’Abbandono

Ogniuno di noi nella propria vita ha potuto sperimentare l’abbandono che di se è la cosa più difficile da poter sopportare, questo ci porta ad aver paura di Amare, la paura di perdere la persona a cui vogliamo bene e ci impedice di lasciarsi andare totalmente all’Amore perchè spesso l’amore annulla ogni nostra difesa razionale, significa abbandonare noi stessi, la propria convinzione di se e trovare il coraggio di riconoscersi completamente rinnovati, diversi.
L’amore è una meravigliosa e tremenda Trasfigurazione, che elimina l’IO e mette a nudo il SE’.
L’amore è potenzialità divinizzante, significa sperimentare la propria morte per abbracciare la propria infinitezza, oltrepassare la carnalità per rimaner sospesi nel vuoto che unisce l’uomo a tutto il creato.
L’amore è passaggio supremo e doloroso di sé, dalla Terra al Cielo, ma la maggior parte degli esseri umani teme questo sradicamento e non riesce ad aprirsi all’Infinito che li chiama. Li attrae, ma han paura della sofferenza che esso comporta e si perdono il meglio di sé e del dono della vita.

Affrontare l’abbandono, la privazione e il vuoto, che siano piccoli o grandi, significa affrontare la nostra solitudine, confrontarsi con quello spazio interiore in cui ci sentiamo soli nell’universo, non protetti, non amati e senza nessuno che si prenda cura di noi.

E’ un buco nero nel quale non vogliamo assolutamente entrare!

Quando siamo immersi nel dolore dell’abbandono non sentiamo la gioia e la libertà di essere soli, almeno non all’inizio.

Abbiamo paura e soffriamo, proprio di quel dolore che abbiamo così astutamente evitato con il nostro essere anti-dipendente. Aprirsi all’amore invita il dolore della perdita ad entrare. Rimanere chiusi e non dover mai fare l’esperienza di questo dolore è più sicuro, ma allora viviamo senza amore.

Fa male in entrambi i casi, ma se attraversiamo il dolore, si risolve; se non lo facciamo si protrae per tutta la vita.

Fondamentalmente, abbiamo tutti un profondo desiderio dentro di noi, quello di essere riempiti, di essere completi. Il dolore dell’abbandono e della privazione risveglia semplicemente questo desiderio che noi, normalmente proiettiamo su un partner. Ma nessun amante può contenere o soddisfare questo desiderio. Esso è la parte più profonda del nostro essere perché noi desideriamo ritornare alla fonte a quel paradiso perduto da cui siamo stati cacciati diventando orfani. Rappresenta il cuore della nostra ricerca e viene erroneamente indirizzato verso un’altra persona. L’abbandono provoca questo desiderio. Spesso lo sentiamo come una spaventosa solitudine ed è necessario soffrirne tutto il dolore prima di arrivare a godere del nostro essere soli riscoprendo in questo una beatitudine interiore e la fiducia nella vita.

L’incontro con la nostra solitudine è uno dei punti in cui il nostro cammino perde le sue fantasie romantiche e idealiste. Quando questa ferita si affaccia siamo in trincea. Fa male ed ogni parte della nostra mente vuole evitare di sentire dolore.

Finchè non abbiamo la volontà di affrontare questa ferita, la nostra relazione con la vita e con gli altri è controllata dal nostro bambino che pretende. Incontriamo dolore, delusione e frustrazione con rabbia e aspettative. Il nostro viaggio attraverso la vita non può essere profondo e beato e le nostre relazioni saranno solo espedienti superficiali che ricoprono montagne di risentimento. Non troveremo mai un altro che ci riparerà dalla paura o dal dolore. Una volta che abbiamo ritirato questa proiezione, possiamo realmente condividere con un’altra persona il cammino di ricerca. Ma fino ad allora il nostro partner non è ancora un compagno, ma qualcuno su cui proiettiamo le nostre frustrazioni per alleviare il nostro dolore.

Quale modo migliore per superare la sofferenza se non passarci attraverso? … Di seguito due esercizi che vi aiuteranno a toccare quel nucleo di dolore da cui tutto ha inizio per poterne avere consapevolezza e finalmente lasciarlo alle spalle

Sentire la privazione….

Sistemate un cuscino di fronte a voi e fingete che rappresenti la persona che , nella vostra vita odierna, suscita maggiori emozioni.

Dietro a questo cuscino mettetene altri due, uno che rappresenta vostra madre e uno vostro padre.

Chiudete gli occhi e concentratevi sul primo cuscino e richiamate alla memoria tutti i modi in cui vi sentite o vi siete sentiti privati, delusi e frustrati da questa persona.

Passate in rassegna tute le fonti di privazione, tutti i modi in cui sentite di non ricevere ciò di cui avete bisogno e ciò che desiderate. Sentiteli …. Sentiteli come vi influenzano ….

Andate oltre la rabbia e sentite semplicemente che non avete nessuna speranza di poter cambiare mai l’altra persona, sentite la disperazione per questi bisogni che non saranno mai soddisfatti. Provate a sentire come sarebbe se non li aveste …

Passate del tempo con ciascuno di essi, con ciascuna delle maggiori fonti di privazione, sentendola e permettendo a voi stessi di vedere cosa provoca dentro.

Ora portate la vostra attenzione sui cuscini piazzati dietro, vostra madre e vostro padre. Se da bambini non avevate uno dei due, immaginate che sia vuoto.

Sentendo il vostro bambino interiore, lasciate che vi tornino in mente tutti i modi in cui ciascuno dei due vi ha causato delle privazioni. Esaminate accuratamente tutti gli aspetti della privazione che potete avere provato, sentirsi non nutriti, fraintesi, ignorati, abusati, respinti, messi sotto pressione, manipolati, sminuiti o giudicati. Limitatevi a notare e sentire.

Osservate le similitudini fra ora e allora.

Questa è la storia della vostra privazione. Questo è ciò che siete destinati a ripetere se continuate a vivere senza consapevolezza …..

Toccare la ferita dell’abbandono …

La ferita è sepolta sotto i nostri sforzi di controllo. Spesso il primo modo di mettersi in contatto con questa ferita consiste nell’osservare cosa sentiamo quando non otteniamo ciò che desideriamo.

Lasciate che vi torni in mente l’ultima occasione in cui vi siete sentiti frustrati dal vostro partner o arrabbiati con lui, oppure l’ultima volta in cui vi siete sentiti irritabili.

Riuscite a individuare il fattore scatenante si queste sensazioni? Ecco che state toccando la ferita dell’abbandono….

Immaginate che qualcuno che amate vi abbia appena privato della sua energia per qualche ragione. Cosa sentite? … quale è la vostra reazione ? … provate ora a sentire cosa sta sotto a quella reazione ? …. Una paura? …. Vedete se riuscite a ricordarvela …

Andando più in profondità, vedete se riuscite a ricordare un’occasione, nel passato lontano o recente, in cui qualcuno che amavate vi ha lasciato.

Lasciate venire in superficie queste emozioni …. Sentite il dolore della perdita, rendetevi conto che non vedrete mai più allo stesso modo quella persona …. Lasciate che queste sensazioni rimangano presenti … dando loro spazio, permettendovi di sentire il dolore della perdita.

Lasciandovi andare, magari entrando in uno spazio di accettazione dello stato delle cose…. Sentendo l’energia nel vostro cuore, un senso di espansione mentre lasciate andare ….. mentre accettate … mentre permettete alle cose di essere come sono … forse anche sentendo un senso di vastità nella tristezza, persino un senso di gioia nella fiducia …. nel lasciare andare …..

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS

Rabindranath Tagore: Biografia, Poesie, Frasi Celebri e Citazioni

 

     

Biografia di Tagore

Poeta, prosatore, drammaturgo, musicista e filosofo indiano, nacque a Calcutta nel 1861 e morì a Santi Niketan, Bolpur nel 1941.

Profondo conoscitore della lingua inglese, tradusse in seguito le opere che prima aveva scritto in bengali. Fu il poeta della nuova India, moderna e indipendente, per la quale lottò non solo con le sue opere e con le sue iniziative di carattere sociale, ma anche con il suo fiero comportamento politico. Scrittore di brani musicali, si occupò della danza indiana e di pittura riscotendo notevole successo sia a New York che in Europa.

E’ soprattutto grande come poeta lirico, il cui pensiero, ispirato ad alti concetti filosofici e religiosi, lo pone tra i più grandi poeti mistici del mondo. Le più famose liriche gli valsero l’assegnazione del premio Nobel per la letteratura nel 1913.

 

Le Poesie di Tagore

Afferro le sue mani

Afferro le sue mani
e la stringo al mio petto.
Tento di riempire le mie braccia
della sua bellezza,
di depredare con i baci
il suo dolce sorriso,
di bere i suoi bruni sguardi
con i miei occhi.
Ma dov’è?
Chi può spremere l’azzurro dal cielo?

Cerco di afferrare la bellezza;
essa mi elude
lasciando soltanto il corpo
nelle mie mani.
Stanco e frustrato mi ritraggo.
Come può il corpo toccare
il fiore che soltanto
lo spirito riesce a sfiorare?

.

  Cogli questo piccolo fiore
e prendilo. Non indugiare!
Temo che esso appassisca
e cada nella polvere.

Non so se potrà trovare
posto nella tua ghirlanda
ma onoralo con la carezza pietosa
della tua mano – e coglilo.

Temo che il giorno finisca
prima del mio risveglio
e passi l’ora dell’offerta.

Anche se il colore è pallido
e tenue è il suo profumo
serviti di questo fiore
finché c’è tempo – e coglilo. ****

TAGORE

 

.* È finita la notte*
Spegni la lampada fumante
nell’angolo della stanza.
Sul cielo d’oriente
è fiorita la luce dell’universo:
è un giorno lieto.
Sono destinati a conoscersi
tutti coloro che cammineranno
per strade simili.”

 Rabindranath Tagore  
 

 

   
 
  AL CHIARO DI LUNA
R. Tagore

Calma, calma questo cuore agitato,
tu, notte tranquilla di luna piena.
Troppe gravi preoccupazioni,
più e più volte
gravano sul mio cuore.
Versa tenere lacrime
Sopra brucianti pene.
Con i tuoi raggi argentati,
portatori di sogno e di magia,
morbidi come petali di loto,
o notte, vieni, accarezza
tutto il mio essere
e fammi dimenticare
tutte le mie pene.

 

 
 

TU SEI LA NUVOLA DELLA SERA

R. Tagore

 

Tu sei la nuvola della sera
che vaga nel cielo dei miei sogni.
Io ti dipingo e ti modello
con i miei desideri d’amore.
  
Tu sei mia, solo mia,
l’abitatrice dei miei infiniti sogni!
  
I tuoi piedi sono rosso-rosati
per la vampa del mio desiderio,
spigolatrice dei miei canti
al tramonto!
  
Le tue labbra sono dolci-amare
del sapore del mio vino di dolore.
  
Tu sei mia, solo mia,
abitatrice dei miei solitari sogni!
  
Ho oscurato i tuoi occhi
con l’ombra della mia passione,
frequentatrice della profondità
del mio sguardo!
 
T’ho presa e ti stringo, amore mio,
nella rete della mia musica.
 
Tu sei mia, solo mia,
abitatrice dei miei immortali sogni!
 

 

   

 

 Il mio canto ha deposto…

Il mio canto ha deposto ogni artificio.
Non sfoggia splendide vesti
né ornamenti fastosi:
non farebbero che separarci
l’uno dall’altro, e il loro clamore
coprirebbe quello che sussurri.

La mia vanità di poeta
alla tua vista muore di vergogna.
O sommo poeta,
mi sono seduto ai tuoi piedi.
Voglio rendere semplice e schietta
tutta la mia vita,
come un flauto di canna
che tu possa riempire di musica.

  “IL VIAGGIO”
A lungo durerà il mio viaggio

e lunga è la via da percorrere.
Uscii sul mio carro ai primi albori
dei giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti dei mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.
*
Sono le vie più remote
che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d’una melodia.
*
Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto all’interno del cuore.
*
I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
«Eccoti!»
*
Il grido e la domanda: «Dove?»
si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
con la certezza: « lo sono! »

Rabindranath Tagore

“Lei è vicina al  mio cuore”

“Lei è vicina al mio cuore

come un piccolo fiore ala terra

Lei è dolce come il sonno che viene

per il corpo stanco.”

Rabindranath Tagore

“Ho sognato che lei, seduta vicino al mio letto,
mi sollevava dolcemente con le mani i capelli,
facendomi sentire la gentilezza delle sue dita.
Guardavo il suo viso, lottando con le lacrime
che mi offuscavano lo sguardo,
finche’ il languore delle sue dolci parole
mi fermo’ il sogno, come una luce iridescente.”
RABINDRANATH TAGORE

Le Frasi Celebri di Tagore

 
Se piangi per aver perduto il Sole, le lacrime non ti permetteranno di veder le Stelle.
       Rabindranath Tagore
La libertà che significa unicamente indipendenza è priva di qualsiasi significato. La perfetta libertà consiste nell’armonia che noi realizziamo non per mezzo di quanto conosciamo, ma di ciò che siamo
 Rabindranath Tagore
Quando sarai
questa sorgente,
quando incontrerai
quest’acqua,
quando riempirai
questa brocca,
quando irrigherai
questo mondo,
quando toglierai
questa sete,
allora mi potrò sedere.
 Rabindranath Tagore
I miei sogni sono lucciole, perle di un animo ardente. Nelle tenebre calme della notte lampeggiano in frammenti di luce.
Rabindranath Tagore

Il cuore anela di unirsi al tuo canto,
ma invano cerco una voce.
Vorrei parlare, ma le mie parole
non si fondono in canti
e impotente grido.
Hai fatto prigioniero il mio cuore
nelle infinite reti
della tua musica

Temo che il giorno finisca
prima del mio risveglio
e passi l’ora dell’offerta.

Anche se il colore è pallido
e tenue è il suo profumo
serviti di questo fiore
finché c’è tempo – e coglilo

 

 

Aforismi e Citazioni di Rabindranarh Tagore

 

 

Ogni nuovo bambino che nasce porta il messaggio che Dio non è ancora scoraggiato dall’uomo. (Citazione in chiusura del film “Lupo solitario”)

 

…Quest’ora sembra attendere un evento, voi mi chiedete la causa delle

   mie lacrime. Non posso dirvelo: è ” il segreto non ancora rivelato.”

                                   (Rabindranath Tagore)

 

 

  • Digg
  • Del.icio.us
  • StumbleUpon
  • Reddit
  • Twitter
  • RSS